SANREMO: molte manifestazioni in forse, anche SanremoCantaNapoli prevista a fine settembre?

Di Tiziana Pavone

SANREMO. Coronavirus, un disastro annunciato: l’economia bloccata, fermi gli eventi e le manifestazioni che potranno riprendere solo quando sarà finita l’emergenza; ma quando questa finirà, non lo sa nessuno. Per ora solo previsioni e programmi rinviati o annullati un po’ dappertutto, quindi la regola vale anche per la città di Sanremo, dove primavera ed estate sono minacciate da ragioni sanitarie.

La preoccupazione maggiore è per il settore del turismo e, ovviamente, Sanremo che — come il resto d’Italia — vive prevalentemente di turismo, rischia di annegare. Senza mezzi termini, il Paese potrebbe essere minacciato seriamente da una grave recessione. La città dei fiori è molto preoccupata: lo sono gli albergatori, i commercianti e tutte le categorie che hanno il timore di vedere le proprie casse vuote a lungo e di dover mandare a casa centinaia e centinaia di lavoratori che stanno rischiando il posto.

Riprendere una vita normale sarà molto faticoso e soprattutto costoso, ma il coraggio di andare avanti prevale su tutto il resto; l’amministrazione di Sanremo e il CDA della casa da gioco sono invece convinti di programmare, quanto meno, l’estate e l’autunno anche perché la ripresa economica potrebbe ripartire proprio dal periodo estivo, magari con l’edizione 2020 del MOAC (Mostra dell’Artigianato Internazionale) di fine agosto. Scongiurando ovviamente il peggio, cioé che possa ulteriormente dilagare il maledetto coronavirus. La manifestazione di SanrenoCantaNapoli (che dovrebbe realizzarsi verso fine settembre) rientra purtroppo nella mancata programmazione, per cui ad oggi è ancora in forse, anche per una questione di investimento economico che quest’anno sarebbe molto più elevato rispetto alle precedenti edizioni.

Comunque siamo tutti in attesa di capire come sarà l’immediato futuro, mentre continua a salire la preoccupazione per quello che possiamo definire uno tra i momenti più critici dal dopoguerra.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *